Data ultima modifica: 20 Gennaio 2021

Un intervento totale di 26 nuove settimane di cassa integrazione Covid. Per tutti, anche se verranno tutelati maggiormente i settori più in crisi, a partire dal turismo. E’ questa, a quanto apprende l’Adnkronos, una delle maggiori novità che verrà inserita nel dl ristori, a cui lavora il governo in attesa del via libera delle Camere allo scostamento di bilancio. Una misura resa necessaria anche da una deadline che preoccupa non poco l’esecutivo per i contraccolpi sociali: la scadenza del blocco dei licenziamenti il prossimo 31 marzo. Le 26 settimane di Cig aggiuntive a cui lavora il governo consentiranno di proseguire il percorso che -con il contributo delle 12 settimane inserite in legge di bilancio- ha consentito di allungare la cassa integrazione ordinaria Covid fino al 31 marzo e quella in deroga fino al 30 giugno. L’intervento sarà modulato sulle tre forme di cassa integrazione Covid: più settimane per la deroga e il Fis, meno per l’ordinaria. Con il dl ristori, dunque, la cassa integrazione ordinaria Covid allungherà la sua copertura.  (di Ileana Sciarra) 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]