Data ultima modifica: 18 Luglio 2020

“Chi ci conosce sa che non diamo indicazioni di voto, e non abbiamo cambiato idea. Io credo che Sansa abbia un solo svantaggio che non è dipeso da lui, e cioè che questo accordo si è fatto troppo tardi. Credo che in Liguria si siano bruciati più nomi che in tutta la storia politica italiana”. Così, ospite negli studi di ‘In Onda’ su La7, il leader delle Sardine Mattia Santori risponde su un eventuale endorsement per le prossime elezioni Regionali. Ma le Sardine aiuteranno o ostacoleranno il candidato specchio della coalizione di governo? “Ma è la politica – replica Santori alla domanda di Luca Telese – che deve restituire quello che noi portiamo alla politica. Noi portiamo in 2000 km persone, comunità, storie, identità, perché partiamo da casa Matteotti e arriviamo a casa Pertini, e sarà Sansa e tutti i candidati progressisti che dovranno convincerci che effettivamente le nostre speranze dal basso coincidono con una proposta di governo”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]