Data ultima modifica: 18 Gennaio 2021

“Se c’è una visione, noi ci siamo”. Così il deputato di Italia Viva ed ex sottosegretario agli Esteri, Ivan Scalfarotto, intervenendo in Aula dopo le comunicazioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte oggi alla Camera sulla crisi di governo.  “Le abbiamo chiesto un governo migliore, lei si è messo subito a lavorare per un governo peggiore, per un’altra maggioranza. Ma è un governo peggiore con un’altra maggioranza perché sarà più povero aritmeticamente e politicamente, mancherà il motorino riformista che siamo stati noi”, ha spiegato Scalfarotto, aggiungendo: “Se c’è da creare un governo migliore noi non abbiamo pregiudiziali sui nomi, figurarsi se mettiamo il veto su di lei. Ma chiediamo di muoversi, darci risposte -ha spiegato l’ex sottosegretario di Iv-. Se questo c’è, se c’è una visione noi ci siamo. Se il progetto è lasciare le proprie idee per mantenere il proprio incarico noi non ci saremo, se c’è un governo vero Italia viva non mancherà”. “Come il conte zio manzoniano lei è sempre per troncare, sopire. Oggi – ha aggiunto Scalfarotto – ha fatto un altro elenco di cose da fare senza dire come e quando”.  “Con lei c’è sempre da troncare e sopire, domani facciamo un incontro e un vertice ma le cose non succedono mai e in questo momento così importante le cose devono succedere subito – ha spiegato l’ex sottosegretario di Italia Viva -. Non è epoca per traccheggiare e rimandare, questo è stato il tratto del suo governo”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]