Data ultima modifica: 3 ottobre 2013
Trasferimento di sede di esercizio di somministrazione alimenti e bevande:

Il soggetto titolare di autorizzazione per pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande, che intende trasferirlo in nuovi locali, deve inoltrare una segnalazione certificata inizio attività al comune, tramite il portale Sportello Unico Attività Produttive al sito www.impresainungiorno.gov.it 
 
Requisiti oggettivi inerenti il locale:
Il locale, da adibire ad attività di somministrazione deve rispettare le norme  vigenti, in materia  edilizia, urbanistica, igienico-sanitaria, di destinazione d’uso di sicurezza, di prevenzione incendi, di sorvegliabilità.
Ai sensi del decreto n. 564/1992, i locali da adibire ad attività di somministrazione di alimenti e bevande al pubblico, non devono essere intercomunicanti con abitazioni o con altri locali destinati a diverse attività e inoltre, i cortili, se recintati, non sono considerati sorvegliabili se presentano la possibilità di accesso alle abitazioni private od anche soltanto ad altri locali non facenti parte dell’esercizio pubblico.
    
Documenti per il comune da allegare alla SCIA telematica:
D.I.A. O.S.A. Asl settore alimentare, di modifica, completa di fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità e dell’attestazione dell’avvenuto pagamento della tariffa pari a euro 50,00 effettuato tramite bonifico bancario (coordinate bancarie. Paese IT CIN EUR 97 CIN O ABI 02008 CAB 38864 Conto n. 000400007355 Causale: Dipartimento di prevenzione registrazione attività reg. n. 852/04) (link al modulo).
Asseverazione di tecnico abilitato in merito al rispetto delle norme vigenti,delle prescrizioni e delle autorizzazioni in materia  edilizia, urbanistica, igienico-sanitaria e di destinazione d’uso del locale, di sicurezza, di prevenzione incendi, di sorvegliabilità.
Dichiarazione per l’esenzione della presentazione della documentazione revisionale di impatto acustico ambientale (vedi modulo allegato).
Copia del documento di identità in corso di validità del dichiarante.
 
Riferimenti Normativi:
Legge 7 agosto 1990 n. 241
D. Lgs n. 59 del 26.03.2010 e s.m.i.
Legge regionale n. 21 del 29 novembre 2006
D. M. (Ministero Interno) 17 dicembre 1992 n. 564
Regolamento (CE) del 29.04.2004 n. 852 Regolamento sull’igiene dei prodotti alimentari.
D.P.R. n. 160 del 07/09/2010.
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]