Data ultima modifica: 11 Dicembre 2020

Amazon ha annunciato oggi di aver investito in 26 nuovi progetti di energia eolica e solare su larga scala per un totale di 3,4 gigawatt (GW) di capacità di produzione di energia elettrica, portando il suo investimento totale in energie rinnovabili nel 2020 a 35 progetti con più di 4 GW di capacità – il più grande investimento aziendale in energie rinnovabili in un solo anno. Questi nuovi progetti fanno di Amazon il più grande acquirente aziendale di energia rinnovabile ad oggi. Amazon ha investito in 6,5 GW di progetti di energia eolica e solare che consentiranno all’azienda di rifornire le proprie attività con più di 18 milioni di megawatt (MW) di energia rinnovabile all’anno, l’equivalente necessario per alimentare 1,7 milioni di abitazioni negli Stati Uniti per un anno. Questi progetti forniranno energia rinnovabile per gli uffici corporate di Amazon, i centri logistici e i data center di Amazon Web Services (Aws) che supportano milioni di clienti in tutto il mondo.  I nuovi progetti contribuiranno all’impegno di Amazon a raggiungere zero emissioni nette di CO2 in tutte le attività entro il 2040: parte di questo impegno prevede di alimentare le attività di Amazon con il 100% di energia rinnovabile, e l’azienda si sta muovendo per raggiungere questa pietra miliare entro il 2025, cinque anni prima rispetto all’obiettivo del 2030 fissato inizialmente. “Amazon sta contribuendo a combattere il cambiamento climatico muovendosi rapidamente per alimentare le nostre attività con energie rinnovabili – dichiara Jeff Bezos, fondatore e Ceo di Amazon – Con un totale di 127 progetti solari ed eolici, Amazon è ora il più grande acquirente aziendale di energia rinnovabile di sempre. Siamo sulla strada giusta per gestire il 100% del nostro business con energie rinnovabili entro il 2025 – cinque anni prima del nostro obiettivo iniziale del 2030. Questo è solo uno dei molti passi che stiamo compiendo e che ci aiuterà a rispettare il nostro impegno preso con il Climate Pledge. Non potrei essere più orgoglioso di tutti i team di Amazon che continuano a lavorare duramente, in modo brillante e rapido, per portare a compimento questi progetti”. I 26 nuovi progetti eolici e solari annunciati oggi si trovano in Italia, Australia, Francia, Germania, Sudafrica, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti e sono i primi di Amazon in Francia, Germania, Italia e Sudafrica. In Italia, i primi due parchi fotovoltaici saranno situati in Sud Italia e forniranno complessivamente 66 MW di energia. Amazon raggiunge oggi un totale di 127 progetti di energia rinnovabile in tutto il mondo, tra cui 59 progetti di energia eolica e solare rinnovabile su larga scala e 68 impianti fotovoltaici sui tetti nei centri di distribuzione e nei centri di smistamento in tutto il mondo (di cui 4 in Italia). Gli investimenti del settore privato, spiega Miranda Ballentine, Ceo di Renewable Energy Buyers Alliance (Reba), “sono essenziali per sviluppare le energie rinnovabili al ritmo necessario a guidare azioni globali a favore del clima. I soli progetti con sede negli Stati Uniti rendono l’annuncio di Amazon più grande del 270% rispetto al maggiore annuncio di acquisto aziendale da parte di un singolo acquirente, e dimostrano la capacità di leadership e l’impegno dell’azienda per un futuro caratterizzato da energia pulita”. Il plauso arriva da Gregory Wetstone, presidente e Ceo American Council on Renewable Energy (Acore: “A nome del settore delle energie rinnovabili, apprezziamo Amazon per il suo contributo senza precedenti alla transizione delle energie rinnovabili di quest’anno. Con ben 35 nuovi importanti progetti di energie rinnovabili nel 2020, Amazon merita un enorme riconoscimento per la sua capacità di leadership nella transizione globale verso le energie rinnovabili. Procurare più di 4.000 MW di nuova energia rinnovabile in un solo anno è un risultato incredibile, e segna un grande progresso verso l’obiettivo di Amazon di essere alimentata al 100% da energia rinnovabile. Siamo immensamente grati ad Amazon per i suoi sforzi per aiutarci a rimanere a poca distanza dalle riduzioni delle emissioni di gas serra che gli scienziati dicono siano necessarie per evitare i peggiori impatti del cambiamento climatico”. Lo scorso anno, Amazon e Global Optimism hanno co-fondato il Climate Pledge, un impegno a raggiungere l’accordo di Parigi con 10 anni di anticipo e ad essere a zero emissioni di CO2 entro il 2040.  Il Climate Pledge ha oggi 31 firmatari, tra cui Unilever, Verizon, Siemens, Microsoft e Best Buy. Per raggiungere il suo obiettivo, Amazon continuerà a ridurre le emissioni in tutte le sue attività, stabilendo un percorso per alimentare le sue attività al 100% di energia rinnovabile entro il 2025, cinque anni prima dell’obiettivo iniziale del 2030; realizzando il programma Shipment Zero per rendere tutte le spedizioni a zero emissioni, con il 50% di spedizioni già carbon neutral nel 2030; e acquistando 100.000 veicoli elettrici per le consegne, il più grande ordine di veicoli elettrici per consegne. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]