Data ultima modifica: 12 Dicembre 2020

Spostamenti sotto le feste di Natale, su un eventuale allentamento delle misure del Dpcm Natale c’è il no secco del ministro Francesco Boccia. “Il Parlamento è sovrano”, ma ”se vogliono rimuovere i vincoli su tutti i Comuni italiani ci troveranno non contrari, contrarissimi”, dice il ministro degli Affari regionali al microfono di Skytg24.  “Se chiedono al governo un parere per rimuovere i vincoli, il mio parere è contrario, anche quello di Speranza. Se vogliono un chiarimento sui piccoli Comuni, il chiarimento arriverà: se serve una norma, il Parlamento può farla, non c’è bisogno del governo”. ”Chi vorrà allentare tutti i vincoli e voterà per questo, ci metterà la faccia, ne risponderà davanti alle famiglie italiane che soffrono, che ha bisogno di un governo forte e rigoroso che però non sia solo ma sia accompagnato da tutte le forze politiche”. “L’essere giallo non deve essere percepito come un rompete le righe, men che meno siamo fuori dalla terza ondata. Significa aver ripreso il controllo della curva pandemica. Il giallo è un colore che impone ancora tanta, tanta attenzione. Non significa essere usciti dalla fase più critica, siamo ancora nella fase più critica”. ”Siamo ancora nella fase più critica e abbiamo di fronte ancora la certezza che se a dicembre i comportamenti non saranno rigorosi, il rischio della terza ondata è abbastanza certo”. VACCINO – “Assolutamente sì, possiamo parlare di gennaio con certezza per la distribuzione dei vaccini”. “E probabilmente anche di tempi più rapidi di quelli che erano stati inizialmente previsti”. “Oggi pomeriggio io e Speranza con Arcuri abbiamo convocato una riunione operativa con le tutte le Regioni, perché serve definire in tempi rapidissimi” la distribuzione dei vaccini, il ”numero dei primi soggetti da vaccinare che sono gli operatori sanitari, gli esponenti delle Forze dell’ordine e delle Forze Armate, gli over 80. Ogni Regione ha un compito che sta svolgendo”. “Servono temi rapidissimi, noi intendiamo accelerare e sono sicuro che la collaborazione tra Stato e Regioni consentirà al commissario Arcuri di distribuire in tempi rapidissimi i vaccini programmati”. GOVERNO – ”Chi parla di crisi, chi minaccia la crisi è scollegato completamente dalla vita reale del Paese”. “Io non trovo il tempo di discutere di cose così surreali…Ma se qualcuno in maggioranza ritiene che queste siano delle priorità rispetto all’emergenza sanitarie economia e sociale, ne sia conseguente e se assuma la responsabilità davanti agli elettori e agli italiani.”. “In questo momento gli italiani vogliono un politica seria e credibile che risolva i problemi. Se la maggioranza regge, andremo avanti. E se non reggerà, l’unica seria da fare è chiedere agli italiani, dopo che il capo dello Stato avrà valutato le sue opzioni, di esprimersi” e far assumere le “proprie responsabilità” a tutte le forze politiche. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]