Data ultima modifica: 12 Luglio 2020

“La proposta del Governo, il piano di riforme, mi sembra molto debole. Il Governo non si è confrontato con l’opposizione, andava strutturato un progetto condiviso da tutti per essere più credibili a livello europeo. La sostanza della questione è l’essere credibili in Europa. Noi di Forza Italia non vogliamo entrare nel Governo Conte, ma siamo a disposizione del Paese con le nostre proposte”. Lo afferma il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani, ospite a Punto Europa su Rai2. I soldi del Mes, ha continuato Tajani, “sono fondi a disposizione già dal primo del mese di giugno. E’ circa un mese e mezzo che questi soldi sono a disposizione. I soldi del Recovery Fund, invece, potrebbero arrivare dall’inizio del prossimo anno. Quindi abbiamo bisogno, anche in vista di una possibile seconda ondata di coronavirus, di rafforzare la nostra sanità. I fondi del Mes servono all’Italia e costano meno dei soldi che il nostro Paese ricava con l’emissione di titoli di Stato”.  “Per quanto riguarda il bilancio pluriennale sono preoccupato: non vorrei che ci fossero tagli all’agricoltura, che è un comparto fondamentale dell’economia reale. Ridurre il bilancio per colpire l’economia reale sarebbe un errore gravissimo. Noi continueremo ad essere vigili e a tutelare questo settore”, ha aggiunto il numero due di Forza Italia. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]