Data ultima modifica: 17 Novembre 2020

Quanto è efficace il test fai da te? E può essere una valida alternativa al tampone molecolare per svelare il Covid? Sono le domande cui i virologi provano a dare una risposta dopo che ieri il presidente del Veneto, Luca Zaia, ne ha lanciato la sperimentazione nella Regione da lui governata sottoponendosi al test in una diretta sui social.  Coronavirus, in Veneto test fai da te: risultato in pochi secondi Secondo Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli studi di Milano e direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi di Milano, “i test fai da te sono un elemento complementare”. “I tamponi molecolari rimarranno il riferimento per eseguire una diagnosi a livello ospedaliero, ma i test aiuteranno a ridurre quell’ansia da parte dei cittadini che, spesso abbiamo visto nel recente passato, ha determinato code inenarrabili per eseguire i tamponi. Questo test potrebbe rendere meno ansiogena l’attesa del tampone”, ha spiegato Pregliasco ai microfoni di Sky Tg24.  Sul test fai da te si è soffermato anche Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e Virologia dell’azienda ospedaliera – università di Padova, in collegamento con la trasmissione ‘Agorà’ su Rai 3. “Personalmente penso che, dal punto di vista epidemiologico e di sanità pubblica”, un tampone ‘fai da te’ per la diagnosi di Covid-19 “trova un’applicazione un po’ problematica”, ha affermato Crisanti, prima di aggiungere: “Mi piacerebbe sapere cosa c’è dietro quella striscetta”. Già ieri, Crisanti aveva di fatto bocciato il test fai da te: “Penso che in un’epidemia la tracciabilità e l’identificazione dei contatti sia un caposaldo. Questa non credo sia una cosa seria”, le sue parole a ‘Radio Capital’. “Stiamo banalizzando una cosa serissima di sanità pubblica, paragonandolo a un test di gravidanza”, ha detto facendo riferimento al kit che è stato presentato come simile a quello per il test di gravidanza.  Crisanti concorda con chi fa presente il rischio di trovarsi di fronte a casi di persone che si fanno il tampone a casa e poi, anche se positive, se ne vanno in giro: “Esatto – ha chiosato – Siamo alla follia più totale”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]