Data ultima modifica: 1 Novembre 2020

Sale a 49 morti il bilancio delle vittime del terremoto che ha colpito Smirne due giorni fa, nella Turchia occidentale. Lo riferisce l’Autorità turca per la gestione delle emergenze e dei disastri (Afad). Alle 49 vittime turche si aggiungono altre due vittime nell’isola greca di Samos, colpita dal sisma. Su un totale di 804 persone ferite, circa 200 stanno ancora ricevendo cure, secondo l’Afad, mentre continuano le scosse di assestamento. Molti senzatetto a causa del terremoto hanno trascorso una seconda notte all’aperto. L’autorità di emergenza ha fornito circa 1.800 tende. Il terremoto ha colpito venerdì alle 15:01 (13:01 ora italiana) a una profondità di 16,5 chilometri nel distretto di Seferihisar di Smirne. È stato avvertito sulle isole greche dell’Egeo e nelle vicine città turche, inclusa Istanbul, che si trova a circa 540 chilometri a nord. Intanto i soccorsi vanno avanti, anche se le speranze di salvare altri sopravvissuti diminuiscono sempre di più. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]