Data ultima modifica: 25 Giugno 2020

Il presidente Donald Trump ha detto che gli Stati Uniti “probabilmente” sposteranno in Polonia parte delle truppe americane in Germania come “segnale” nei confronti della Russia. La dichiarazione è arrivata nel corso di una conferenza stampa alla Casa Bianca con il presidente polacco Andrej Duda. Nella stessa occasione Trump ha attaccato la Germania sui rapporti energetici con la Russia, con cui è impegnata nella costruzione del gasdotto North Stream 2. In riferimento alla decisione annunciata degli Stati Uniti di ritirare parte delle truppe americane dalla Germania, ha detto: “Di che parliamo? Mandate miliardi alla Russia e poi volete che vi difendiamo dalla Russia”.  Trump ha confermato che gli Stati Uniti ridurranno la loro presenza militare in Germania “in modo molto sostanziale” e ha fissato a 25mila il numero di soldati americani che resteranno nel Paese: di questi, alcuni torneranno negli Stati Uniti, mentre altri saranno spostati, anche in Polonia. Secondo il presidente americano, questa mossa “manderà un segnale molto forte alla Russia, ma io penso che un segnale più forte mandato alla Russia è che la Germania sta pagando miliardi di dollari per comprare l’energia russa attraverso un gasdotto”, il North Stream 2. E allora, si è chiesto Trump, perché gii Stati Uniti “devono difendere” la Germania dalla Russia se Berlino ha così stretti legami energetici con Mosca, una circostanza, ha detto, che non piace ai tedeschi. Poi il presidente è tornato ad accusare gli alleati per il mancato rispetto dell’impegno preso di spendere il 2% del Pil per la difesa. Sottolineando come la Polonia lo abbia fatto, Trump si è riferito alla Germania come “delinquente”. Infine un nuovo attacco all’Europa sulle questioni commerciali: “Noi difendiamo l’Europa, ma l’Europa ha anche vantaggi enormi dagli Stati Uniti sul commercio, vantaggi che non potete immaginare. Stiamo lavorando su questo”.  Entro la settimana, ha annunciato poi Trump in riferimento all’abbattimento di statue e monumenti associati al razzismo negli Stati Uniti, “firmerò un forte ordine esecutivo” per la protezione dei monumenti. “Adesso puntano a Gesù Cristo – ha detto – A George Washington, ad Abraham Lincoln, Thomas Jefferson. Non succederà, non succederà fintanto che io sarò qui”.  Il presidente polacco Andrzej Duda ha chiesto a Donald Trump di non ritirare le truppe americane dall’Europa, come ha annunciato di voler fare con parte dei militari dispiegati in Germania, per non compromettere la sicurezza del continente. In una conferenza stampa alla Casa Bianca dopo un incontro con Trump, Duda ha detto: “Mi rivolgo al presidente, chiedendogli di non ritirare le truppe dall’Europa, perché la sicurezza dell’Europa per me è importante”. Il presidente polacco ha poi ribadito la disponibilità del suo Paese ad ospitare i soldati americani.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]