Data ultima modifica: 8 Maggio 2022

(Adnkronos) – Le forze armate russe stanno continuando a bombardare le acciaierie Azovstal a Mariupol, nel sud dell’Ucraina, e stanno cercando di fare irruzione nell’impianto. Lo ha detto il capitano Svyatoslav Kalina Palamar, vice comandante del reggimento Azov asserragliato nelle acciaierie a Mariupol, nel corso di una conferenza stampa. “Arrendersi non è un’opzione perché loro non sono interessati a preservare la vita”, ha aggiunto. ”Abbiamo ancora l’acqua, abbiamo ancora munizioni e combatteremo fino a che non riusciremo a cambiare questa situazione”, ha dichiarato il responsabile dell’intelligence del reggimento, Ilya Samoilenko. Difendere Mariupol è ”un dovere. Si può combattere in due modi: come si può e come si deve. Noi difenderemo Mariupol come dobbiamo”, ha aggiunto, sottolineando che sono ”più di 25mila le persone che sono morte a Mariupol, in gran parte civili”, nel sud dell’Ucraina, assediata dalle forze armate russe. “Il nostro morale è ancora alto”, ha dichiarato ancora Samoilenko. ”Tutto il mondo ci guarda” perché ”siamo diventati il simbolo della resistenza armata” e per questo ”combatteremo fino alla fine, non possiamo arrenderci” perché ”sarebbe un grande regalo per il nemico”. Il Battaglione Avoz non ha poi confermato che tutti i civili sono stati evacuati dall’impianto, come hanno riferito ieri le autorità ucraine e quelle russe. ”Non possiamo confermare che tutti i civili siano stati evacuati”, ha detto Palamar. “Abbiamo bisogno del supporto unito di tutti i governi europei”.   

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]