Data ultima modifica: 21 Aprile 2022

(Adnkronos) – Nuovi bombardamenti sono stati segnalati in varie zone dell’Ucraina in nottata. Il presidente Zelensky: “Paesi alleati comprendono meglio le nostre esigenze sulle armi”. Ecco le news di oggi: ORE 8.32 – “Gli Europei dovrebbero smetterla di parlare di stato canaglia ed essere più aperti verso i giovani russi e la società civile, facilitando la frequenza delle Università, le borse di studio, i visti. Siamo una nazione normale in circostanze anormali e molti di noi guardano all’Occidente e alla democrazia come ad un riferimento. Da anni in tanti e con impegno resistiamo a Putin”. A dichiararlo, in un’intervista a ‘Il Giornale’ è Andrei Kolesnikov, uno degli analisti più in vista del Carnegie Endowment, think tank chiuso dal ministero della Giustizia russo pochi giorni fa. “In Russia – spiega ancora – hanno fatto la loro comparsa alcuni aspetti tipici dei sistemi totalitari. Mi riferisco alla completa soppressione dell’opposizione, dei media e della società civile. E anche ai tentativi di mobilitazione artificiale della popolazione a sostegno del tiranno, come gli eventi di massa, l’incentivazione delle denunce, l’indottrinamento scolastico e così via”. ORE 8.30 – Sono 208 i bambini uccisi e 376 quelli rimasti feriti dall’inizio della guerra. Lo rende noto l’ufficio del Procuratore Generale ucraino, precisando che il maggior numero delle vittime si registra nelle regioni di Donetsk, di Kiev e di Kharkiv. ORE 8.12 – “La direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino ha ricevuto un’intercettazione audio della conversazione degli occupanti, che si riferisce all’ordine di uccidere tutti i prigionieri di guerra nel distretto di Popasna (regione di Luhansk)”. Lo ha reso noto l’Agenzia di stampa Interfax Ucraina citando un dispaccio dell’Intelligence di Kiev. ORE 7.44 – “Questo è il momento storico in cui possiamo imprimere la massima velocità per accelerare il nostro ingresso nell’Unione Europea”. A dichiararlo è stato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un discorso con il quale ieri sera si è rivolto ai suoi connazionali. “Abbiamo dimostrato che lo stato ucraino e le istituzioni pubbliche sono abbastanza efficaci da resistere anche alla prova della guerra”, ha affermato. “Stiamo già facendo per proteggere la libertà nel continente europeo più di quanto non abbiano mai fatto altre nazioni. E vedo da parte di tutti i nostri amici nell’Unione Europea il desiderio di promuovere al massimo il nostro percorso”. A riferirne è il Guardian. ORE 7.30 – Dopo giorni di pressioni insistenti, i paesi alleati dell’Ucraina sembrano comprendere meglio le richieste di Kiev in termini di armi più pesanti. A dichiararlo è stato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in un discorso in cui si è rivolto ai connazionali nella serata di ieri. “Sono molto lieto di dire, anche se con cauto ottimismo, che i nostri partner hanno iniziato a capire meglio le nostre esigenze. Capire esattamente di cosa abbiamo bisogno. E quando esattamente abbiamo bisogno di tutto questo”, ha dichiarato. “Non entro alcune settimane, non entro un mese, ma immediatamente. In questo momento, mentre la Russia sta cercando di intensificare i suoi attacchi”. Zelensky ha quindi definito “della massima gravità” la situazione nell’est e nel sud del paese. ORE 7.20 – Nuovi bombardamenti sono stati segnalati in varie zone dell’Ucraina in nottata. A Kharkiv, nell’est del paese, dopo le esplosioni due grattacieli nel distretto nord-orientale di Saltivka e diverse auto parcheggiate hanno preso fuoco. A riferirne è stata l’Ukrainskaya Pravda. Nella regione di Dnipropetrovsk, le città di Zelenodolsk e Welyka Kostromka sono state oggetto di pesanti attacchi, ha annunciato su Facebook alle prime ore di oggi il capo dell’amministrazione militare locale, Olexander Wilkul, senza fornire alcuna informazione sui bersagli o sui danni. Nella zona è presente una centrale termica. ORE 7.10 – Il leader ceceno Ramzan Kadyrov annuncia che l’acciaieria Azovstal di Mariupol sarà sotto controllo russo entro la giornata di oggi. “Oggi Azovstal sarà completamente sotto il controllo delle forze armate russe”, ha dichiarato su Telegram il comandante delle milizie cecene che combattono in Ucraina, assicurando che questo avverrà intorno a metà giornata. “I combattenti ucraini rimasti nelle acciaierie hanno ancora l’opportunità di arrendersi nelle ore della mattina”, ha aggiunto Kadyrov, dicendosi certo che se lo facessero, la leadership russa prenderebbe “la decisione giusta”. Secondo informazioni russe, circa 2.500 combattenti ucraini e mercenari stranieri sarebbero ancora negli stabilimenti Azovstal. Da parte ucraina si parla della presenza di un migliaio circa di civili rifugiati sul posto. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]