Data ultima modifica: 3 Marzo 2022

(Adnkronos) – “Dall’inizio dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina la Polonia ha aperto i suoi confini. Abbiamo circa otto punti di passaggio aperti, e sono aperti a tutti quanti. Negli ultimi sei giorni abbiamo accettato in Polonia circa 500mila persone in Polonia, senza assolutamente alcuna discriminazione. Questa versione dei fatti è stata diffusa in tutta l’Unione Europea a partire dalla narrazione russa e non è assolutamente vera”. Lo afferma all’Adnkronos Jan Waszczykowski, eurodeputato polacco presidente della Delegazione alla commissione parlamentare dell’associazione Ue-Ucraina e membro del Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei, che risponde così alle notizie, raccolte dalla stampa internazionale e dai social media e balzate all’attenzione della stessa Unione Europea, sulle presunte discriminazioni tra profughi che la Polonia starebbe effettuando al confine con l’Ucraina. “Queste notizie -spiega l’europarlamentare- le abbiamo lette da parte dei media europei, dai giornali occidentali, ma non corrispondono assolutamente a verità. Noi non abbiamo fatto nessuna discriminazione, abbiamo accettato oltre 500mila persone senza sapere da dove venissero”. Sulle notizie riportate, Waszczykowski osserva: “Sono stati registrati degli incidenti dalla parte ucraina, perché c’erano studenti indiani e africani senza documenti che volevano oltrepassare il confine, e si sedevano sugli autobus senza avere posti, perché i posti erano per i rifugiati. Quindi, semplicemente gli è stato chiesto di aspettare e di far salire prima le famiglie dei rifugiati”. “Abbiamo conferme da parte dell’Unione Europea e da membri del Parlamento Europeo, in questo momento abbiamo una delegazione da parte dell’Europa e nessuno sta riportando problemi come i giornalisti dichiarano, non c’è nessun problema”, spiega l’eurodeputato. “Gli abbiamo dato da dormire, dei vestiti, trasporti, abbiamo un comitato di accoglienza per loro e una volta entrati e possono fare esattamente quello che vogliono. Ci sono 7000 posti che sono stati riservati ai feriti o a coloro che necessitano di assistenza in Polonia. Siamo anche in una pandemia, ricordiamocelo”, aggiunge. Già da prima che la guerra iniziasse “avevamo oltre un milione di persone che vengono dall’Ucraina che vivono qua già da tempo -spiega Waszczykowski all’Adnkronos – molti vanno a scuola, lavorano, partecipano a tutte le attività normali qui in Polonia, e quindi molti di loro adesso sono andati da amici e parenti. Coloro che sono qualificati per lavorare, hanno libero accesso al mercato del lavoro. Non abbiamo restrizioni per le persone che arrivano. Le persone nelle case private in tutto il paese accolgono e ospitano famiglie e rifugiati. Alcuni vengono, portano le mogli, i figli, le famiglie, si separano e tornano indietro a combattere. Non esiste nessuna discriminazione razziale”. Dunque, conclude l’eurodeputato, “questi reporter che dicono queste cose dovrebbero provarle. Chiedo ai giornalisti: come si può discriminare in 6 giorni da quando le frontiere sono aperte? Non c’è nemmeno il tempo di discriminare. Da un lato all’altro del confine, la maggior parte delle persone che attraversano non viene nemmeno controllata in arrivo. Sono tutti accolti pienamente”.   

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]