Data ultima modifica: 25 Giugno 2021

Diritti Lgbt, dopo il caso Ungheria sedici capi di Stato e di governo dell’Ue – inclusi Angela Merkel, Emmanuel Macron, Mario Draghi e Pedro Sanchez – hanno inviato una lettera ai vertici delle istituzioni Ue, in cui ribadiscono il loro impegno per la difesa dei valori fondamentali dell’Unione.  “Dobbiamo continuare a combattere contro le discriminazioni nei confronti della comunità Lgbt, riaffermando la difesa dei loro diritti fondamentali”, scrivono i leader nella lettera, pubblicata via social dal premier lussemburghese Xavier Bettel. Non viene menzionata esplicitamente l’Ungheria e la sua recente legge che vieta ai minori l’accesso a film e libri che ritraggano qualsiasi tendenza sessuale diversa dall’eterosessualità, ma il riferimento è piuttosto chiaro. L’ultima mossa del premier magiaro preoccupa molti Paesi Ue, perché tocca i diritti fondamentali delle persone. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]