Data ultima modifica: 15 Agosto 2020

“I termini per la richiesta e la trasmissione delle schede elettorali per corrispondenza non sono compatibili con gli standard di consegna del servizio postale”. E’ quanto è stato scritto nelle lettere, firmate dal general counsel dello US Postal Service (Usps), il servizio postale americano, con cui – secondo la Nbc – sono stati avvertiti 50 stati sull’impossibilità a garantire che i voti espressi in occasione delle prossime elezioni presidenziali negli Usa e spediti per posta arrivino in tempo per essere conteggiati. C’è “il rischio – è scritto chiaramente nella lettera riportata dalla Nbc dopo le anticipazioni di ieri del Washington Post – che le schede non arrivino in tempo per conteggiare i voti”. Le poste potrebbero trovarsi a gestire una possibile valanga di voti alle elezioni di novembre, una tendenza accelerata dal rischio coronavirus che potrebbe portare decine di milioni di americani a votare per posta. Ad ora 18 stati su 50 hanno confermato alla Nbc di aver ricevuto le lettere con l’avvertimento dell’Usps, mentre Vermont, Wisconsin e Kentucky hanno fatto sapere di non aver ricevuto alcuna missiva dalle poste americane, che sono state sottoposte a un piano di riorganizzazione e taglio dei costi, che ha allungato i tempi di consegna della corrispondenza.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]