Data ultima modifica: 16 Luglio 2021

“Noi non siamo solo alleati e partner, ma anche nazioni con stretti rapporti di amicizia”. Così Angela Merkel ha rilanciato l’alleanza tra Stati Uniti e Germania nell’incontro che ha avuto con Joe Biden nell’ultima visita da cancelliera alla Casa Bianca. Da parte sua Biden ha ringraziato Merkel per la sua leadership ed ha detto che la partnership tra Washington e Berlino crescerà più forte grazie alle fondamenta che lei ha aiutato a costruire.  A segnare il rilancio dell’alleanza tra Washington e Berlino dopo gli anni burrascosi dell’America First di Donald Trump, i due leader hanno firmato la Dichiarazione di Washington in cui si impegnano a una “stretta collaborazione per promuovere pace, sicurezza e prosperità in tutto il mondo”. Merkel e Biden, comunque, non hanno mancato di sottolineare che rimangono differenze di vedute, in particolare riguardo al controverso progetto del gasdotto Nord Stream 2, ormai quasi completato, che porterà il gas russo in Europa attraverso la Germania, bypassando l’Ucraina.  “Se ho ribadito le mie preoccupazioni riguardo al Nord Stream alla cancelliera Merkel, siamo assolutamente uniti nella convinzione che alla Russia non deve essere permesso di usare l’energia come arma per costringere o minacciare i suoi vicini”, ha detto nella conferenza stampa Biden che nelle scorse settimane ha sospeso le sanzioni nei confronti delle società coinvolte nella costruzione del gasdotto per evitare tensioni con l’alleato tedesco.  Anche Merkel ha riconosciuto che Stati Uniti e Germania hanno “valutazioni diverse sulla natura del progetto”, affermando comunque che la Germania considera l’Ucraina un Paese di transito del gas naturale. “La nostra convinzione era e rimane che l’Ucraina rimane un Paese di transito per il gas naturale”, ha detto assicurando che la Germania agirà se “la Russia non dovesse rispettare il diritto dell’Ucraina di essere un Paese di transito”. Nei suoi 16 anni alla guida della Germania, Merkel ha fatto oltre 20 visite a Washington e Biden è il quarto presidente americano che incontra da quando ha iniziato il suo mandato nel 2005. Dopo aver sviluppato una stretta relazione con George Bush e, in particolare, con Barack Obama, sono state invece tante le tensioni con Trump.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]