Data ultima modifica: 11 Marzo 2021

Il vaccino AstraZeneca contro il Covid sospeso in Danimarca e in Norvegia, mentre in Italia l’Aifa vieta un lotto dello stesso vaccino. Al momento, come precisato dall’agenzia italiana del farmaco, “non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino” e “alcuni eventi avversi gravi” che sono stati segnalati e che hanno portato al divieto sull’uso del lotto ABV2856 sul territorio nazionale. In attesa di ulteriori sviluppi per diversi esperti la parola d’ordine è prudenza, anche nel giudizio sul vaccino. “Serve cautela e serve capire cosa è accaduto prima di fare commenti. Non possiamo sottovalutare la cosa, ma neppure trarre conclusioni affrettate”, sottolinea Antonella Viola, immunologa dell’università di Padova, in un post su Facebook rispondendo alle tante richieste di commento sul vaccino AZ.  Anche secondo l’immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud della Fondazione italiana di medicina personalizzata, “le ipotetiche correlazioni tra gli effetti avversi registrati e il vaccino AstraZeneca, sono al momento tutte da confermare”. “Il blocco dell’Aifa è solo precauzionale per alcuni casi registrati in Sicilia -evidenzia Minelli, interpellato dall’Adnkronos Salute-. Tuttavia, per chi è stato vaccinato con il lotto in questione potrebbe essere utile controllare, d’intesa con il suo medico curante, i parametri della coagulazione”. “Queste misure -aggiunge- diventano più stringenti per soggetti affetti da vasculiti, da malattie dell’emocoagulazione e chi sta in trattamento con farmaci anticoagulanti. In poche ore dalla notizie sto ricevendo tantissime chiamate da pazienti che hanno fatto il vaccino e sto suggerendo proprio di controllare, d’intesa con il medico curante, i parametri della coagulazione. Ma le ipotetiche correlazioni tra gli effetti avversi registrati e il vaccino, sono al momento tutte da confermare”, ribadisce.  Per l’infettivologo Matteo Bassetti “il vaccino AstraZeneca è un po’ sfortunato, ma è un ottimo vaccino che sta dando risultati efficaci. Mi auguro che quanto accaduto con alcuni lotti non spinga gli scettici a rifiutarlo perché non sarebbe giusto”.  “La decisione dell’Aifa – prosegue Bassetti – dimostra che in Italia c’è un ente regolatorio che agisce proprio dalla parte dell’utente, in questo caso chi sta facendo le vaccinazioni, garantendo la sicurezza. Anche se ancora non c’è correlazione tra il vaccino AstraZeneca e gli eventi avversi. Quanto accaduto dovrebbe convincere gli scettici a credere nelle istituzioni che sono sempre dalla parte dei cittadini. Spero quindi che non si crei pregiudizio sul vaccino – conclude – possono esserci dei lotti che creano problemi come è accaduto in passato, soprattutto su numeri così grandi”. 

[Voti: 1    Media Voto: 4/5]