Data ultima modifica: 8 Marzo 2022

(Adnkronos) – Moderna rinuncia ai brevetti sul vaccino per Covid-19 per 92 Paesi a basso e medio reddito nella Gavi Covax Amc. Lo ha annunciato la stessa azienda biotech americana, presentando la strategia sul fronte dei vaccini. “Per sottolineare ulteriormente l’impegno nei confronti dei Paesi a basso e medio reddito, e all’interno del sostegno al raggiungimento dell’equità sanitaria globale”, Moderna sta ora ampliando la promessa di non far valere mai i suoi brevetti per i vaccini Covid-19 in questi 92 Paesi a basso e medio reddito, a condizione che i vaccini prodotti siano destinati esclusivamente all’uso in tali Paesi. Negli altri Paesi che non fanno parte di questo gruppo, la fornitura di vaccini non è più una barriera all’accesso. L’azienda, dunque, continuerà a far valere il rispetto della proprietà intellettuale. Moderna rimane disposta a concedere in licenza la sua tecnologia per i vaccini Covid-19 ai produttori in questi Paesi a condizioni commercialmente ragionevoli.  “Ci impegniamo a sconfiggere la pandemia in tutto il mondo e lo stiamo realizzando attraverso il nostro impegno a non far rispettare i nostri brevetti relativi al Covid-19 nei Paesi a basso e medio reddito, ma anche attraverso la consegna della maggior parte delle dosi di vaccino a Covax al prezzo più basso per dose – rimarca Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna – Abbiamo compiuto passi significativi per aumentare l’offerta e ampliare l’accesso globale, e aumentare la nostra capacità consentendoci di produrre miliardi di dosi del nostro vaccino ogni anno”. Quest’ultimo passo “sottolinea ulteriormente il nostro impegno per l’accesso globale”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]