Data ultima modifica: 25 Dicembre 2021

Arriva un tampone rapido per individuare la variante Omicron in appena 4 ore e bloccare potenziali focolai in tempi brevissimi. Un dettaglio fondamentale, se si considera che la variante si presenta come estremamente diffusiva, con la capacità di raddoppiare i contagi in 2-3 giorni. Il nuovo test è stato sviluppato in Corea del Sud dalla Korea Disease Control and Prevention Agency (KDCA) e sarà disponibile dal 30 dicembre, secondo quanto riferisce l’agenzia sudcoreana Newsis. Il nuovo tampone è il primo che, con un singolo test, è in grado di individuare la presenza di tutte le cinque principali varianti del coronavirus: Alfa, Beta, Gamma, Delta e – appunto – Omicron. I test tradizionali possono identificare solo le prime 4 varianti. Il nuovo tampone prodotto dalla KDCA è il risultato del programma varato da Seul per potenziare l’attività di tracciamento ed individuare focolai legati a Omicron.  La Corea del Sud ha segnalato l’1 dicembre i primi 5 casi legati alla variante, dopo il rientro di una coppia dalla Nigeria. Oltre a marito e moglie, vaccinati, sono risultati positivi altri 2 membri della famiglia e un amico. Dall’inizio del mese, quindi, le autorità sanitarie hanno avviato le azioni per contenere la diffusione di Omicron, promossa nel frattempo a ‘variante di preoccupazione’ dall’Oms. Il nuovo tampone sarà disponibile in tutto il paese entro la fine dell’anno: la distribuzione avverrà il 29 dicembre, con l’invio dei kit a 23 centri in diverse regioni e province. Non è chiaro al momento se il tampone verrà messo a disposizione anche di altri paesi. “Con l’attuale sequenziamento, sono serviti tra i 3 e i 5 giorni per confermare la presenza della variante Omicron nei campioni di soggetti risultati positivi. Con il nuovo tampone, possiamo vedere i risultati in 3 o 4 ore”, ha detto Jeong Eun-kyeong, numero 1 della KDCA. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]